La grande Teresa e la piccola Teresa

La grande Teresa e la piccola Teresa

La grande Teresa e la piccola Teresa

In questo mese di Ottobre celebriamo due sante Carmelitane: Santa Teresa di Gesù (conosciuta anche come Teresa d’Avila) e Santa Teresa di Gesù Bambino,  che a volte si possono confondere per chi non le conosce bene, infatti, portando lo stesso nome, Teresa, possono essere scambiate per un’unica santa.

Ma adesso vediamo le particolarità diverse e le somiglianze tra le due sante.

Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo, conosciuta come la “piccola Teresa” o Santa Teresina, la cui festa celebriamo il 1° ottobre, è nata ad Alençon (Francia) il 2 gennaio del 1873.  E’entrata nel Carmelo di Lisieux a soli 15 anni ed è morta il 30 settembre di tubercolosi a 24 anni. E’ Patrona delle missioni e Dottore della Chiesa. Ciò significa che la sua esperienza di vita interiore è stata così illuminata e guidata dallo Spirito Santo da diventare modello di santità per tutti e la Chiesa universale la indica come Maestra di spiritualità.

Ispiratrice di un’autentica dottrina basata sui valori evangelici, ci insegna la via dell’abbandono e della fiducia all’Amore misericordioso di Dio.

Tale dottrina, conosciuta come “la piccola via”, ci indica una strada sicura per arrivare alla santità, attraverso una via ordinaria e semplici, infatti le anime piccole e umili possono arrivare alla perfezione offrendo a Dio semplicemente le piccole azioni di ogni giorno, fatte con grande amore.

 

Mentre Santa Teresa di Gesù (la Grande Teresa) è stata la grande riformatrice dell’Ordine del Carmelo, Madre di tutti i Carmelitani Scalzi, quindi anche della Piccola Teresa, la quale ha seguito le orme della riformatrice.

 

Santa Teresa di Gesù, la cui festa si celebra il 15 ottobre, è nata ad Avila ( Spagna) il 28 marzo del 1515 e morta ad Alba de Tormes, il 4 ottobre del 1582. E’ la fondatrice dei primi Carmeli riformati.

Anche lei è stata proclamata Dottore della Chiesa, perché, avanzata nel cammino di perfezione e avendo fatto esperienza di molte grazie mistiche, ha lasciato alle sue figlie carmelitane e a tutta la Chiesa un vasto patrimonio spirituale ricco di dottrina. Considerata Maestra della vita di Orazione, ci insegna ad arrivare alla santità  per mezzo di una intima unione con Cristo, visto non soltanto come essere divino, ma anche nella sua umanità, cosa insolita o addirittura non accettata in quell’epoca.

Lodiamo il Signore che arricchisce la sua Chiesa con la testimonianza di queste due Sante, che, per tutto quello che ci hanno trasmesso, possono essere considerate due giganti di santità: Santa Teresa di Gesù, grande esempio di fedeltà alla Chiesa, la quale, alla fine della vita ha dichiarato: “muoio figlia della Chiesa”; Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo, la quale, nel suo grande desiderio di donarsi totalmente alla missione della Chiesa, anch’essa dice: “nel cuore della Chiesa, mia madre, io sarò l’amore”.

Chiediamo la loro intercessione affinché ci sostengano nel nostro cammino spirituale, per giungere anche noi alla santità, attraverso una vita vissuta nella preghiera e nella semplicità evangelica.

Suore Carmelitane di Squillace

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *